- ANEC SICILIA

Vai ai contenuti

Menu principale:

Taormina Film Festival sbarca a Los Angeles. Tra i protagonisti Valeria Golino, Elio Sofia, Francesco Cannavà e Cecilia Peck

Due giornate ricche di film ed eventi il 20 e il 21 gennaio 2016, grazie al supporto del Consolato Generale, presso l’Istituto Italiano di Cultura in Los Angeles
Taormina Film Festival edizione 2015
Il Festival del Cinema di Taormina arriva in America con la prima edizione del TaorminaFilmFest@LosAngeles con l’Istituto Italiano di Cultura. Due giornate ricche di film ed eventi il 20 e il 21 gennaio 2016, grazie al supporto del Consolato Generale, presso l’Istituto Italiano di Cultura in Los Angeles. Protagonisti Valeria Golino, Elio Sofia, Francesco Cannavà, Cecilia Peck. «Lo abbiamo annunciato lo scorso anno durante la 61esima edizione del nostro Festival ed oggi siamo felici di approdare a Los Angeles portando autori e opere italiani – sottolinea Tiziana Rocca, General Manager del Tff -. L’idea è nata per promuovere il cinema italiano all’estero con particolare attenzione ai film realizzati da autori siciliani. Idea divenuta realtà. Iniziamo questa avventura partendo con soli due giorni, ma per il futuro il nostro obiettivo è quello di costruire qualcosa di più grande». La realizzazione della prima edizione del TaorminaFilmFest@LosAngeles è stata resa possibile grazie a un accordo con l’Istituto Italiano di Cultura (Italian Cultural Institute) a LA e il suo direttore Valeria Rumori, il Consolato Generale Italiano di Los Angeles e l’Ice che hanno creduto nell’idea di portare a Los Angeles una rassegna di film italiani e siciliani di produzione indipendente.
Tra i partner del progetto anche Gerardo Sacco, maestro orafo creatore di gioielli per tanti film della storia del cinema italiano ed internazionale di cui sarà presentato un trailer con una selezione delle sue creazioni per il grande schermo. La prima edizione di TaorminaFilmFest@LosAngeles sarà inaugurata con la mostra fotografica omaggio a Phil Stern “Welcome back to Sicily” di Carmelo Nicosia ed un documentario di Ezio Costanzo “Phil Stern. Sicilia 1943, la guerra e l’anima”. Stern è stato uno dei più grandi fotografi del ‘900. Noto come inviato di guerra per Life, nella sua carriera ha immortalato lo sbarco degli alleati in Sicilia, icone di Hollywood e leggende del jazz americano ed è stato inoltre fotografo personale del presidente Kennedy. Stern è scomparso nel 2014 a 95 anni a Los Angeles. All’inaugurazione saranno presenti il figlio Peter e la nipote Ashley. Il Consigliere municipale Joe Buscaino conferirà al progetto catanese dedicato a Stern ed alla prima edizione del TaorminaFilmFest@LosAngeles un riconoscimento ufficiale della città di Los Angeles. Durante la prima edizione dell’evento a Los Angeles saranno presentati L’ultimo metro di Pellicola alla presenza dell’autore Elio Sofia, vincitore del 1° premio documentario filmaker Sicilia durante la 61° edizione del TaorminaFilmFest”; Il carnevale eoliano di Francesco Cannavà, 2° premio documentario filmaker Sicilia; Phil Stern. Sicilia 1943, la guerra e l’anima, scritto da Ezio Costanzo e diretto da Ezio Costanzo e Filippo Arlotta e vincitore 1° premio, sezione documentari, al Sicily Est Festival Cinema 2015.
Ospite anche Cecilia Peck, protagonista al TaorminaFilmFest 2015, che ripropone anche a Los Angelese il film documentario Brave Miss World realizzato in collaborazione con l’associazione WeWorld e che sarà presentato dalla regista insieme a Elisa Bonora e Inbal Lessner. Il film esplora il trauma della violenza sessuale attraverso il viaggio di una giovane donna da adolescente vittima di stupro, a vincitrice di Miss Mondo ad avvocato attivista. La regista, figlia dell’indimenticabile Gregory Peck aprirà la sua casa colma di ricordi del padre per un party esclusivo in onore della I edizione del TaorminaFilmFest@LosAngeles. Saranno inoltre consegnati i TaorminaFilmFest@LosAngeles Award a Steven Gaydos, Executive Editor di Variety, per il “continuo supporto al cinema” e a Valeria Golino di cui si vedrà Per amor vostro di Giuseppe M. Gaudino.
 
Torna ai contenuti | Torna al menu